Posts Tagged ‘escort’

Tempi moderni

8 ottobre 2016

27 febbraio 2031. Oggi è un gran giorno, abbiamo iscritto nostra figlia quattordicenne alla scuola pubica per diventare un’accompagnatrice professionista. Una escort, insomma, come affettuosamente chiamano le fanciulle dell’amore applicato al business, che tanto allietano il relax di noi maschietti stressati. Come si conviene a una famiglia timorata di Dio, accorta al futuro della propria figliola, abbiamo deciso noi per lei. Le faremo intraprendere la carriera del M.A.M (il Mestiere più Antico del Mondo). Io e mia moglie abbiamo scelto lo StaFiGa, l’istituto Statale delle Figliole Gaie della celeberrima professoressa d’igiene genitale Intime Cintole, con indirizzo in prostituzione applicata per darle una strada sicura, un certo futuro. Poi, se sarà brava e vogliosa di studiare, proseguirà con l’università scegliendo la facoltà d’Arte Amatoria per diventare dottoressa in Commercio del proprio corpo. Una professione oggi ai massimi livelli della scala sociale, interamente indirizzata sulla strada del successo. Da quando, un paio di decenni fa, per l’opera missionaria dell’allora Presidente del consiglio Svelo Sobri Inculi, magnaccia di un impero mediatico senza pari dignità, integralmente messo a quel servizio della collettività, ci fu una vera e propria rivoluzione dei costumi e delle usanze del popolo di Ailati.
In breve, le donne furono messe al posto loro, cioè a letto.
Il Partito dell’Ardore, di proprietà del cavalier Sobri Inculi, alleato del celodurista Sto Sui Bomber, eroico condottiero dell’integerrimo Partito della Sega, artefice della legge del cosidetto Taglione in seguito alla quale il paese venne tagliato in due – dando a ciascuno ciò che si meritava – aveva invertito la perversa tendenza, ormai giunta all’eresia, di cercar di raggiungere la parità fra i sessi.
Un’ignominia ai giorni nostri!
Le donne d’oggi hanno due opportunità, o fare la mamma a tempo pieno, sottomettendosi però ai doveri coniugali stabiliti dal marito – la recente legge matrimoniale voluta dal Partito della Chiesa concede al marito di legiferare inappellabilmente in casa sua – o intraprendere la carriera della professionista del piacere… maschile, s’intende. Infatti, il ruolo delle donne è tornato quello originario, accudire gli uomini in famiglia come nella società. Un ruolo fondamentale per il pene del paese.
Dopo la vivisezione della nostra nazione in due macro regioni, la Operonia al sud e l’Impresonia al nord, anche le classi sociali si sono stabilizzate. È semplice: chi nasce al sud diventa operaio nelle fabbriche del nord. Automatico! Chiaro e tondo. Senza lotte sociali per difendere i diritti degli operai, come accaddero a cavallo del primo e del secondo decennio degli anni duemila. I diritti dei lavoratori, molto semplicemente, non ci sono più, sono stati aboliti per legge, ovviamente ottenuta con la fiducia. La fiducia in una società giusta! Chi nasce al sud ha una sola opportunità: emigrare al nord per lavorare nelle aziende seghiste. Non può nemmeno andare a lavorare all’estero, ai cittadini operoniani viene concessa solo la carta d’identità non valida per l’espatrio. Viceversa, quelli del nord diventano tutti padroncini. Nascono direttamente con lo status di imprenditore. Appena finiti gli studi in squole private speciali, lo stato apre agli impresoniani una bella aziendina con le tasse pagate al sud, che tanto lì, essendo tutti dipendenti, gli vengono prelevate direttamente in busta paga. Al nord le tasse non ci sono più, sono state abolite. Agli operoniani, poi, è concesso di acquistare  obbligatoriamente i servizi e i prodotti realizzati in Impresonia. Anche la grande industria non c’è più, troppa tensione sociale… tutti quegli operai gli uni vicini agli altri, che parlavano, discutevano, si organizzavano… adesso basta. Fine. Kaput. Soluzione finale! Solo micro aziende con al massimo venticinque dipendenti, soglia al di sotto della quale l’attività sindacale è proibita. Se qualche imprenditore ha l’esigenza di produrre di più, lo stato gli apre 10, 100, 1000 fabbrichette tutte dislocate a scacchiera, in capannoni attigui ma separati da alti cancelli. Dei veri e propri campi di concentramento produttivo, una peculiarità tutta ailatina, che il mondo intero ci invidia. Finalmente la classe operaia è andata a fare in gulag!
La TAIF, la Toronto Automobili Industria Fuoristrada, da adesso che se ne andata dal nostro paese. Schizzata via immediatamente dopo il grande bluff della firma del contratto nazionale del dislavoro personalizzato, con ottomila tipi di turni diversi, altrettanti orari diversi per la pausa pranzo, settantaduemila colori diversi per il certificato di malattia. Se non lo presentavi nel colore giusto non aveva valore e rischiavi il licenziamento su due piedi. Anzi, con i due piedi in avanti per esser stato obbligato a fare harakiri in fabbrica davanti a tutti i tuoi colleghi, colpevole d’aver bloccato la produzione con la tua stupida daltonia antagonista. Contratto nazionale siglato dopo la sola mossa della mano degli azionisti, nonché del presidente dell’azienda Klan Hen Jon, di mettere mano al portafogli per concretizzare gli investimenti promessi. Il sindacato dell’OIFM (Ostruzionisti Idealisti Falce e Martello) era già stato dichiarato fuorilegge, mentre quegli sciagurati dei sindacati firmatari scioperarono addirittura per cinque minuti interi, costringendo quel povero amministratore delegato Sinché Emigrarono a delocalizzare, giustamente, negli stati Uniti d’Acirema. Sé tapino, che manager coraggioso!
Intanto, nostra figlia già studia china alla pecorina sui libri di mignottologia acuta. Che dite? Supererà la sua prima interrogazione orale con il professore di storia dell’attrazione Fregola Urinaria? Niente di meno che l’attuale Presidente del consiglio in tutta la sua persona. Dopo una fulgida carriera dal Foglio del Giornale a direttore della nuova RAI (Radiotelevisione Impresoniana), da anni si prende l’onere di interrogare personalmente, nelle stanze private di palazzo Grazioli, le fanciulle appena iscritte. Le giovani escort bisogna educarle da piccole!
Archie Pinch All

Annunci

Le giuste tentazioni della vita tra contratti di lavoro e diritti negati

16 giugno 2010

Mi preme, mi soffoca, non riesco a togliermi l’idea dalla mente. È un assillo, un incubo, una mania, ecco cos’è, ma andiamo per ordine: oggi, 17 giugno 2010 ho deciso di uccidermi! Eh si, proprio così, è umano, no? Magari, poi, si cambia idea, qualche amico o amante o entrambe le cose ci fa tornare sui propri passi o almeno rimandare. Anche perché la vita di tentazioni ne offre tantissime. Potere, denaro, sesso e non necessariamente in quest’ordine. Insomma, c’è n’è da riempirsi le tasche, la bocca e il culo, magari. Roba capace di mettere in moto tutti i sensi, acuire tutte le voglie. Tutto a portata di mano, non resta altro che soddisfare qualunque desiderio in qualunque modo possibile. Basta una telefonata al numero di cellulare giusto del faccendiere giusto, che ci procuri immediatamente i giusti sollazzi in cambio dei favori (ooops… cambio di consonante: la “l” al posto della “f” e vinca il peggiore) giusti, il tutto legalmente fatturato come consulenza, con tanto di contributi pensionistici e ferie pagate. Basta razziare nel supermarket delle opportunità, come tutti. Non proprio tutti? Per me di sicuro, perché a me non manca nulla, ma proprio nulla di nulla. Ho tutto. Sono il rampollo di una delle famiglie più potenti del paese. Di quelle a cui è sempre andato tutto per il verso giusto. I cui componenti sanno a memoria la Parte giusta con la P2 maiuscola: sempre al posto giusto nel momento giusto e nel modo giusto. Giusto per darvi un’idea: il generale dell’areonautica tal Balillo Ferrascio, nella notte tristemente famosa in cui venne precipitato per esplosione strutturale naturale quell’aereo nei cieli di tale isoletta sperduta nel mare oscuro italiano, in cui morirono 81 persone… è mio zio. Bellamente assolto, dopo circa trent’anni d’inchieste. È il padre di mia cugina defunta la contessa dell’Orzata, il cui assassino è sparito in qualche paradiso artificiale, per non pagare le proprie colpe allo stato italiano (che allo stato attuale delle cose versa davvero in una crisi del cazzo tale che, ormai, ai cittadini onesti – questi sconosciuti – toccherà tagliarsi le palle, ma solo perché così potranno risparmiare sulla taglia delle mutande, ndr.)

Ma torniamo a me, alla mia idea d’uccidermi. Io ho tutto, già vedo il mio raggiante futuro tracciato nella storia del nostro paese. Già mi vedo organizzare… no, no, ordire trame oscure per la sicurezza della mia nazione, in combutta con i doppi servizi segreti di famiglia. E poi tutto il resto: il potere, la droga, il sesso. I festini con le escort (ooops… cambio di parola: “massaggiatrice” al posto di “puttana.”) Ricordo ancora, a futura memoria, quando farò sesso con quelle quattro modelle: Gisele, Adriana, Bianca e Naima. Ricordo soprattutto quest’ultima che mi starà, sempre a futura memoria, appiccicata addosso come una patella allo scoglio. Una noia! Per togliermela di torno dovrò rovinarle la carriera, raccontando a tutti i miei amici stilisti quanto sia una spia della polizia. Addio coca e mamma mia! Farà la barista in qualche bettola in quel di Poggiolongone. Ora, qualcuno sta pensando che voglia ammazzarmi proprio perché ho tutto e quindi non desidero più vivere? Perché faccio una vita troppo comoda, ho la strada spianata, la certezza di un ricco e prosperoso futuro? Tutt’altro, questi sono i motivi per cui amo vivere, mica la causa della mia idea suicida. Se fossi povero mi sarei già ammazzato, ecco. Non sono mica stupido. Il punto è un altro, ma adesso voglio parlarvi dei soldi. Dei soldi che possiede la mia famiglia, con i quali compro tutto: favori, amicizia servile, amore incondizionato.  La gente, al mio cospetto, mi saluta inchinandosi a novanta gradi. Si prostra. Lo fa apposta, ne gode ad apparir zerbino e io mi ci pulisco i piedi sopra. Se lo merita, ma se fa il bravo e mi lecca la mano io gli getto un bell’osso da spolpare. Quando, poi, il denaro non basta uso la forza, la forza del potere della mia famiglia. Che famiglia! La Famiglia per antonomasia. “Baciamo le mani, picciotti.”

“Figghiuzzi beddi mei, mi chianci lu cori picchì stiorno uno da famigghia ‘ni tradìo e pittanto è “inspiegabilmente” scompasso… Stamo chiancenno tutti nta famigghia ‘pi la scumpassa di lu amatu frate (bafantoculo) salutamo, figghiuzzi mei.” Don Vito Corleone (tratto inopinatamente da intennette.)

Quando avevo sette anni mio padre mi mandava su alla Regione a portare le mazzette agli assessori in cambio dei giocattoli… gli appaltuzzi. È stata la mia scuola: qualcosa dovevo pur imparare, visto che la laurea l’ha comprata il mio babbuccio ai saldi di fine stagione culturale. Che poi non era il mio papà naturale, bensì il mio padrino putativo, anzi… imputativo. Imputato al maxi processo di fine anni ’80, ma assolto con formula piena e nominato Cavaliere del Lavoro con onorificenza del Capo dello Stato italiano, allo stato delle cose in una cazzo di crisi del cazzo, ma tant’è che a noi della famigghia poprio nun ce ne impotta nu’ ficu sicco. La storia ci ha dato ragione. la malavita paga, eccome se paga. Sono cose che a noi galantuomini prima o poi ci dovevano tornare, dopo anni di duro lavoro sporco, come le stragi dei primi anni ’90. Tutta una storia di dare e avere, adesso stiamo incassando il dovuto. Chi ha dato di tritolo ha dato di tritolo, chi avuto il cazzo in culo ha avuto il cazzo in culo. A ciascuno il suo, a noi il vostro. E tangentopoli? Tutto rientrato. W la restaurazione e in culo ai giudici, quei cattivisti. Così incivili, rompere le palle alla gente disonesta che lavora perbene, che fa, che è partito che lavora. ‘Nzémmula de lu parrìnu, burgìsi di Calatafimi, arrivintàvamo pe arricugghìrisi dalla mattanza cu la lupara delli picciotti farfànti. Stì cazzi! W il partito delle leggittime libertà.

Torniamo al punto e croce cruciale della via crucis del mio suicidio, ma prima desidero raccontarvi di quando ho convinto quella ragazzina rom a ciucciarmelo di brutto nei cessi della congrega delle santissime Orsolette di stà minchia, che io mantengo in cambio di qualche verginella per i miei trastulli… di quando ho fatto inciampare quelle due cugine americane, così alte, le chiamavo le torri gemelle, che spilungone… oppure di quando quel mio parente emigrato negli States fece accoppare quel tale, Jhon il presidente K… SLAM!! “Aò e basta, ma chi te credi d’esse?”
“Chi è lei? Come è entrato qui? Come si permette?”
“Come ti permetti tu? So’ du’ ore che me stai a’ rompe li’ cojoni con sta fregnaccia che te voi ammazzà, ma quand’è che mori tu e’ stì quattro stronzi de lì parenti tua?”
“Cosa sa dei miei parenti, che ci fa qui, mi spiega?”
“Ma che te devo da’ spiegà, te ll’ho già detto: me staje a rompe lì maroni, so de’ foco… a viè qua che io ti…”
“Aiuto, non mi torca il braccio, bruto. Proprio non comprendo come lei abbia fatto ad arrivare sin qui.”
“Senti a’ bello, che te sei bevuto er cervello? T’ho detto che me staje a’ strummà da due ore bone con stà lagna tua. C’ho nella capoccia come na tiritera mortale… e poi e’ donne, e’ sordi, ma chi ll’ha visti mai? E tutto per corpa de voiantri. De quelli con la facciaccia tua, ma sai che te dico? M’hai proprio scassato er cazzo!”
“Gesù, che scurrile.”
“Scurri… che? Viè qua che mo’ te faccio score ‘nfaccia na’ marea dè cazzottoni, che te devi da metterte er cappuccio ‘ntesta pe’ non spaventà li regazzini.”
“Ahi, mi sta spezzando il collo, sof-soffoco… cough, splut…”
“Ah no eh… già me voi morì? Tu devi da’ stà bene perché devi da’ venì con me. Annamo, te vojo fa provà na’ botta de’ vita.”
“Villano, dove mi vuol portare. Vigliacco!”
“Vigliacco a me, ma non ci’avevi la “famigghia” alle spalle? E mo’ ‘ndo stanno? Se so’ scordati de n’infame come e te?”
“Dove mi vuol portare?”
“Sta zitto e scenni le scale.”
“Ma fa freddo per strada, mi lasci prendere il giaccone di pelle…”
“De’ pelle te basta la tua e te porto ‘ndo cacchio me pare.”
“Bruto!”
“E che staje a’ ddì? Anvedi questo, bruto io? Ma non c’hai d’avè paura, non te volevi accide prima? No, eh? Me sei stato a pigliarme p’er culo tutto er santo giorno. Ecco… semo arivati.”
“Arrivati dove, che postaccio è mai questo?”
“Semo arivati da Romolo er magnetofonato.”
“Chiii?”
“A Romolo…”
“A Remo… a lì mortacci…”
“A Romolo, guardi chi t’ho portato?”
“Anvedi sto’ impaccato, j’esce er verde dar culo. A Remo sei popo er peggio, ma ‘ndo l’hai preso?”
“L’ho raccattato pe’ strada e mo’ spieghece perché te chiamano er magnetofonato.”
“A viè qua, che t’ho spiego, ma prima mettete un po’ nudo…”
“Brutti sporcaccioni, che mi volete fare?”
“Daje, stracciamogli lì stracci da dosso.”
“Ehi, ma che maniere, la mia camicia di chiffon, me la rovinate tutta.” Straaap! “Anvedi questo, sto’ broito, antasa po’ guarda’, fai popo schifo ar cazzo, me pari l’homo erore.”
“A Romolo… me ne devo d’annà, c’ho li cazzi mia da sbrigà. T’o lascio a te, facce qu’er che te pare.”
“A Remo stammi bene e salutame tu moglie, li regazzini e puro tu nonno in cariola e tu viè qua, ‘ndo scappi… mo’ me te curo co’ ‘na supposta de carne.”
“E cosa mi significa?”
“Che te’ significa? Tè piaciuto fatte la zingarella e tutte le sbrindellone de l’attricette tua e mo’ nnamo de là che te rettifico la vena cacatoria. Appropinquate, damme er culo e non te move che te corco de botte… Anf, anf, anf, aaah.”
“Ahi, uhi, ohi, che male.”
“Dimme che te piace, dimme che te piace se no ce n’avemo pe’ n’antre du’ ore de fila.”
“Mi piace, mi piace…”
“Ah si, te piace? E mo’ te apro come ‘na sdraio e po’ te chiudo come ‘na graziella… Arf, arf, aaarf…

Cinque ore dopo.
“A Romolo so’ Remo, so’ tornato.”
“A Remo sciao, come t’arza?”
“Da pajura”
“To’, pijete sto mandrillone.”
“Annamo va.”
“Dove mi porta ora?”
“Niente, niente, a fa’ un turno in fabbrica a Pomigliano.”
“Oddio, ma io non ho mai lavorato in una fabbrica alla catena di montaggio.”
“Ma tu non hai mai faticato in tutta la vita tua, nn’hai mai fatto un cazzo.”
“Perché proprio a me?”
“A chi tocca ‘n se ‘ngrugna.”
Dopo otto ore di turno più due di straordinario obbligatorio, con tre pause di dieci minuti ciascuna e nessuna possibilità d’allontanarsi dal lavoro in linea, dopo diecimila movimenti sempre uguali, a stento torcendo appena appena il busto secondo i livelli di prestazione lavorativa con le modalità previste dal sistema WCM e dal sistema Ergo-UAS…
“Sono distrutto, ma che razza di turno è questo? Chi ha mai potuto organizzarlo e come mai gli operai non si ribellano? Credevo che fossero tutti lavativi e sempre intenzionati a fare sciopero, invece… ma adesso dove siamo, cos’è questo quartiere malfamato?”
“Ma statte zitto! Semo da sora Cecilia. A Cecì, guarda chi t’ho portato?”
“Ueee,  guarda nu’ poco chi c’è sta? Remo bello. Comme staje, a’ quantu tiempo ca’ nun ce vedimmo?”
“A Cecì, so venuto fino ar pofondo sudde pe’ portatte sto’ svergognato che da oggi in poi pensa a te e alli sette regazzini tua, sei contenta?”
“Sette figli?”
“Ma statte zitto… anvedi a Cecì, nantra vorta colla panza?”
“E che vuò fa’, Remo. Se vede ca’ a’ Madonna accussì vo.”
“A Cecì, e e’ regazzini?”
“Aspè, mo’ e’ chiammo, stanno mieza a’ via. Nun ll’aveva chiammate ancora pecché nun tengo niente pe’ dà a’ magnà. Gennarì, Sarvatò, Antonietta, Cicciariello, Carminiello, Annarella, Jessicah… è l’urdima arrivata, a cchiù piccerella.”
“Anvedili tutt’e’ sette, come so’ belli e come crescheno.”
“Mammà che vuò, chi è  stù signore, me par’o’ pesce.”
“Gennarì e sì sempe tu, se vede ca’ nun e’ maje tenuto nu patro ca’ te ‘mparava l’educazzione. Stù signore, che è accussì buono, è o’ patro vuosto nuovo ca’ v’ha purtato nù sacco e’ cose bone a’ magnà.”
“No no, cara signora, c’è un equivoco, io non ho portato nulla.”
“Uè bello, ca’ nuje tenimmo famme, tu staje tutto ‘ncruvattate, pure sie faje schifo o’ cesso. Tieno tutta a’ giacchetta ‘nguacchiat’e’ grasso, ma ca vaje facenno, zuzzuso.”
“Ma cari bambini… no, no, che fate? Non mi saltate addosso. Suvvia… non ho niente nelle tasche.”
“Aò, tenimmo famme, addò a’ tiene a’ robba e’ magnà… e caccia, ma tiene propito a’ cazzimma de moicane.”
“T’o dico io a cecì, stò burino s’è magnato tutti li sordi ar bare coll’amici sua, stò ‘nfame.”
“Ma comme, ma sje propito nù rinalo, ma stù figghio e’ na’ jettate e’ mazze. O’ ssaje ca mammeta faceva e’ bucchine ‘ncoppa a ruanella. Chella granda puttana addò sta mo’, creature acchiappate a’ stù ricottaro. Pigliatelo a capate ‘nfaccia, scommatelo e’ sanghe, o’ sanghe e’ chi ll’è stramuorto.”
“Mammà accedimmolo e’ mazziate a’ stù piezz’e’ merda.”
“Aaargh, no… che fate? In fabbrica non mi hanno dato un soldo. Mi hanno sfruttato e poi cacciato in malo modo… no, no, la padella nooo…”
““Aaah a’ caccavella nun te piace… e allora acchiappa stù fierro da stiro ‘nfaccia, accussì pote ghiessere ca’ t’affezzione e’ criature, llatrinaaa…”
“Aaargh, ahi, uhi ohi…”

Dopo diciotto ore di viaggio disumano a bordo del treno Inferncity di Frenitalia…
“A’ fracicone arepijate che semo arivati a Termini Imerese che te devi da fa antre dieci ore de fabbrica.”
“Oddio, Giuseppe e Maria, non ce la faccio più.”
“E non bestemmià che te porrebbe annà peggio. Aò, baciamo le mani cumparieddi belli.”
“Picciotti, talea chi ci stari, don Remo amatissimo… e chi ghiè stù scimunitu?”
“È er vostro compare de lavoro.”
“Aaah, aviri ri bisùognu di travagliare con nuàvutri, ma aviri vogghia di travagliare?”
“Ma che voglia e voglia, è uno ca non ha mai faticato in vita sua. ‘Mparateglie er mestiere.”
“Nooo…”

Dopo altre dieci ore di lavoro con il ricatto che se si fosse fermato, anche solo per pisciare, la fabbrica intera sarebbe stata trasferita in Lapponia e chi ci sta, ci sta e dopo un viaggio di ritorno con il regionale delle cinque e un quarto e arrivo previsto tre giorni dopo alla capitale…
“Mamma mia, sono distrutto. Che vitaccia…”
“Nè più nè meno de la vitaccia che famo noiantri gente de er popolino, che v’avotamo e pagamo le tasse. Ora tocca a te pe i prossimi trent’anni de la vitaccia tua.”
“Mi sento poco bene, svengo…”
“A’ Remo, ma chi è sto poraccio, porello ma che l’hanno mozzicato i lupi?”
“E che ne so io, sor Artù e pensatece un po’ voi, ca io non lo reggo più. Adesso c’ho da fa, devo d’annà via. Bonanotte a tutti lor signori.”
“Sciao a’ Remo, statte tranquillo che a lui ce pensamo noiantri.”
“Artù… e voi venì a giocà, tocca a te.”
“E un momento, anvedi stò ‘mpiccio e mo’ ‘ndò lo sbarello a questo?”
“Ma sbattilo da quarche parte, che te frega, mica è tu nonno. Buttelo su quella branda.”
“A’ Tullio, ma su quella branda stammatina c’è morta la vecchia de colera.”
“Anvedi questo… e che te frega? A’ vecchia è morta, mica se po’ offenne.”
“E c’hai ragione c’hai, mo’ o’ lascio popo qua. Passa le carte, dai… giocamo.”
“Ahi, ahi… dove sono? Ah, ora ricordo… la fabbrica, quell’orda di bambini… sono tutto un dolore. Ho bisogno di cure. Aiuto, non c’è nessuno, aiut…”
“Aò, ma statte zitto che c’avemo da fa.”
“Aiuto, presto, sto malissimo, devo avere le ossa rotte…”
“Ma anvedi questo, ce voi fa giocà o no?”
“Ma non c’è un dottore, io ho bisogno di una visita. Aiutooo…”
“A Tulliè, sto scoreggione a furia de strillà fa venì er primario che ce fa du cojoni così. Avemo da agì.”
“Artù, mo’ ce penso io, non t’agità.”
“Che je fai?”
“Fidate, je faccio na’ bella pera de morfina, così non strumma più li maroni a noiantri che ci’avemo da fa. Ecco qua, è pronta sta bella punturina pe’ er signore tanto bono e caro.”
“Cosa, morfina? Ma lei è fuori di senno? E poi com’è grossa? Mi ucciderà.”
“Ma no che dice?”
“Basta! Non ce la faccio più.”
“Ma dove va? Non s’alzi che è debbole, arivenga qua che je faccio sta punturina ar culo che je fa bene.”
“Basta, di qua dove si va?”
“Fermete, ma che faje, che voi aprì? Là c’è er barcone, prendi freddo, te fa male.”
“Aaargh, tonf!”
“Anvedi questo, s’è buttato de sotto. Artù sto burino s’è ammazzato.”
“S’è ammazzato? E che te frega, pensa a’ salute, tanto stava più de là che de qua e adesso sta tutto de là. Che sarà mai? Sarà er destino incognito?”
“Ma sai che te dico Artù? Che c’hai popo ragione, passa un po’ le carte, và. Dai, giocamoce sta briscola e poi, secondo me, doveva da esse popo da a’ Lazio.”

Sor Nello


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: