Posts Tagged ‘magistrati’

Date a Cesare quel che non è di Cesare!

15 luglio 2010

Dàteme tutte cose, tutte e’ sorde, tutte e’ case, tutto o’ pòtere, tutte e’ televisioni, tutte e’ giurnale.
È mio! O’ mare è mio, e’ mùntagne songhe de’ meje, e’ fiumi songhe de’ mje, e’ strade, e’ viche, e’ palazzi e tutte e’ cazzi. Puro e’ tuoi, a’ vita toja è da’ mia, e’ ffiglie toje songhe de’ meje, pecché me l’aggia chiavà a’ faccia toja, o me’ chiav’je o e’ facce fa’ e’ puttane pe’ dint’a’ televisione.
Tu nun tiene cchiù a’ potestà da’ famiglia toja, tu nun tiene identità, tu nun sje cchiù nisciuno. Puro o’ culo tuojo è do’ mio. Dàmmello, ne faccio chello ca’ voglio je, pecché a vita toja è da’ mia. Tu nun cùnte niente, si sulo na’ sàmente, sje n’omme o  na’ femmena senza dignità e cchiù vai pazzo pe’ me, je chiù te sguarr’o’ mazzo.
Te faccio o’ pacco, te ‘mbroglio, te sfilo o’ portafoglio e tu nun sulo nun te ne adduone, ma sje puro cuntento e fesso e vaje dicenno ca’ je songhe uno bbuono. Song’o’ rrè, songo cchiù meglio e’ te, ca dint’a’ gabbina llettorale me daje a’ forza e’ te scamazzà. Comme a’ nù pedocchio je te schiatt’a’ capa. Cu e’ llegge ca’ so bbone sulo pe’ me, cu e’ ‘nciuci cull’amici mia, cu e’ magagne ca me fanno cchiù forte e’ nu dio, mentre ca’ tu sje sempe e’ cchiù nu’ povero dio.
Nu’ di’e’ strunzo, ca’ me daje e’ chiave da’ casa toja e je me chiavo puro a mmugliereta, mett’e’ criature toje a ffatica’ pe’ me. Tutta quanta avita faticà pe’ me, pe’ me e pe’ ll’amici mia, pecché je songo o’ patrone e stu’ paese e chi nun e’ ricuttaro cumm’e’ me adda fà sulo a fine de surece, e s’addà sta puro zitto e nun addà sapè niente. Nisciuno addà dicere niente, nisciuno addà scrivere niente, nisciuno addà leggere niente, nisciuno addà guardà niente, nisciuno addà sèntere niente.
Poliziotti, carabbiniere, finanziere e magistrate v’ata fà e’ cazzi de’ vuoste e faciteme fà, ca’ ce penz’je, pecché a’ verità songh’je, a’ realtà songh’je e tutta quanta vuje state dint’o’ munno do suonno.
Duorme, duorme!
Ditt’a’ Tore

Annunci

Manovra 2010. Luigi Rimettono: imponiamo la ritenuta idrica alla fonte dei dipendenti pubblici.

11 luglio 2010

“Imporre la ritenuta idrica alla fonte dei lavoratori e dei dipendenti pubblici, nonché dei pensionati, questi ultimi particolarmente avezzi all’incontinenza sociale”: questa è l’ultima trovata del Partito delle libertà di Censuro Solvibili che, con la voce del ministro dell’economia e delle finanze Luigi Rimettono, pone al centro dell’azione governativa la questione della pausa per il rilascio idrico durante l’orario di lavoro dei dipendenti pubblici. “Troppe pause per futili motivi,” denuncia il ministro della difesa Grisù Alsaziano, “i pubblici impiegati, di norma scansafatiche impenitenti, come asserisce la faccetta nera del ministro per la pubblica amministrazione Bruno Teatrante, abbassano fraudolentemente il già scarsissimo livello di produttività con innumerevoli pause sul lavoro, adducendo il banale motivo dell’urgente rilascio delle quote liquide.”
“Il problema della ritenuta idrica alla fonte è sempre più grave,” abbozza un tentativo di difesa il segretario Inaleranno Beffa del sindacato EODA (Elefantiaca Ordinazione Diradavano Aristotelici), “i dipendenti pubblici già devono rinunciare al deposito delle incombenze solide… in ogni caso se c’è da firmare, io firmo!”
Sul deposito delle incombenze solide mette bocca il portavoce del gabinetto del governo Orchi Fittizi Bocca, che in un’intervista rilascia la seguente dichiarazione “che cessi! Un tale disbrigo di pratiche corporali farà infognare letteralmente l’amministrazione pubblica, già nella merda per decenni di governo comunista.” All’osservazione del giornalista che, fino a qualche anno prima, fosse anch’egli comunista, il portavoce del governo urla minaccioso “a voi giornalisti vi faremo diventare tutti disoccupati con la nuova legge sulle intercettazioni. Voglio proprio vedere cosa sarete capaci di scrivere senza calunniare i poveri politici perbene che, lontani dalle loro famiglie, solo per telefono possono avere un contatto umano.”
“Balle!” per l’opposizione replica il segretario del partito demo governà Spargerei Unibili, “cosa volete che siano poche gocce nell’immenso mare di problemi che aggravano la cosa pubblica.”
L’on. radicale Rompa Cannella propone 32 referendum per cassare una volta per tutte il problema, “chiederemo un milione di firme fuori ai bagni pubblici.”
I CoBaS (Comitati Bagni Sicuri) affermano risoluti “nessuno osi chiuderci i rubinetti!”
Il presidente del coniglio (ooops, un re fuso, nda) Censuro Solvibili, cogliendosi la palla al balzo promette nel salottino televisivo del presentatore Sbavo Per Un milione di posti di lavoro in un ano (ooops, ancora il re fuso, nda), “daremo lavoro a tutti per fornire ai milioni di dipendenti pubblici: amministrativi, docenti e maestri, poliziotti, finanzieri e vigili urbani, sanitari e… purtroppo magistrati – mi scuso con i telesudditi per la brutta parola – comodi pannoloni per emettere la ritenuta idrica alla fonte senza muoversi dal posto di lavoro. Detassando i versamenti della ritenuta idrica anche per i lavoratori dell’industria privata, in modo che gli imprenditori possano reinvestire nella propria azienda le maggiori entrate liquide. Inoltre aggiungo: alle prossime elezioni inaugurerò la nuova scheda elettorale da me inventata e firmata una per una con il mio nome e cognome, in modo da evitare l’inutile spreco di carta delle schede bianche. E dottor Sbavo Per Un mi lasci ribadire: se alla prossima telelegislatura non voterete per me i comunisti vi faranno fare la cacca addosso a furia di calci nei gulag.”
La magistratura indaga sul fratello del presidente del coniglio (ooops, di nuovo il re fuso, nda) Censuro Solvibili, all’anagrafe tributaria con il nome di Paolino Burlesco, per la scalata all’azienda leader di pannoloni per adulti Senil, conflitto d’interessi?
Il problema della ritenuta idrica alla fonte dei lavoratori del pubblico impiego, comunque, resta irrisolto. Anche il leader del partito della Sinistra ecologia e libertà, Al Vendichino, con il suo solito parlar fuori dai denti lancia la sua proposta per trovare una soluzione, “pisciare meno per pisciare tutti!”
Schienale Morto


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: